Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



16.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri
Executive Business Coach e Docente SCOA

foto: Teresa Capasso - Gallo (Stampa digitale, 150x150cm)

"Supervision is a place where a living profession breathes and learns …supervision can be a very important part of

taking care of oneself,

staying open to new learning"

(Peter Hawkins and Robin Shohet)

Vorrei riprendere le riflessioni condivise nel post di maggio dal titolo "L'essenza della Supervisione" per soffermarci su un aspetto, a mio avviso,  molto rilevante nel considerare l'importanza e l'utilità della supervisione nello sviluppo della professione  di Business Coach: il  "Self as instrument".

Nel precedente post ci eravamo posti, ed avevamo  risposto ad alcuni quesiti di fondo, quali:

- Perché la Supervisione?
- Quali funzioni di promozione ha la Supervisione?
- Quali le finalità chiave della Supervisione?

Risposte che ci avevano condotto a sottolineare l'importanza di affrontare il tema della Supervisione non in modalità pompieristica ma ciclica e continuativa. Certamente può essere utile ricorrere alla Supervisione quando si vivono momenti difficili... ma è un approccio limitato e limitante.  Il vero senso della Supervisione e la sua ricchezza generativa è quando si comprende che la professione del Business Coach è una professione che richiede una disponibilità/volontà a fermarsi, confrontarsi, riflettere, apprendere dall'esperienza  in modo continuo e quindi la Supervisione è vista e vissuta come elemento essenziale, facente parte della vita e della evoluzione esperienziale del Business Coach. La si intraprende, quindi, in modo ciclico e programmato durante tutto il ciclo di vita della pratica.

A rafforzare questa conclusione è la consapevolezza  che la Supervisione ci aiuta a promuovere e potenziare la nostra costante presa di coscienza  dell'importanza della nostra persona nella sua interezza, quale strumento chiave della relazione di business coaching: ci aiuta a vedere e lavorare sul nostro  Self as instrument.

Quando noi agiamo nella nostra veste di business coach portiamo nelle nostre sessioni  oltre alle competenze, abilità, tecniche, metodi che abbiamo appreso, portiamo noi stessi, nella nostra interezza  con le conseguenti ricadute, e non dobbiamo sottostimare il fatto che nelle relazioni di aiuto/sviluppo alle persone noi siamo  il principale strumento. 

Questa consapevolezza a volte è stata ed è offuscata dal "bombardamento" di tecniche, metodologie, processi…saperi, facendo perdere o distrarre  il focus su di noi. Non fraintendetemi, non dico che tecniche, metodologie, strumenti ecc… non siano importanti ma non bastano, non si sostituiscono a noi, ai nostri punti di forza e di debolezza, ai nostri valori e credo, alle nostre storie…a come noi siamo presenti o meno nella nostra interezza nella professione.

Quello che facciamo e quello che siamo si intrecciano profondamente….

Chi sono? Cosa sto diventando? Quali sono i miei principi, i miei valori?  Che tipo di relazioni costruisco?...la consapevolezza e la manutenzione periodica di tutto questo è chiave di autenticità e quindi di armonizzazione e valorizzazione dei saperi, approcci, metodologie in modo genuino e consapevole  con la nostra persona. 

Dobbiamo riconnetterci al fatto che questa professione richiede non solo l'attenzione ed il potenziamento/aggiornamento  dei saperi (competenze, abilità, tecniche …..) ma richiede lo sviluppo continuo della nostra capacità umana in quanto noi siamo la risorsa chiave nel nostro lavoro, e questa capacità richiede manutenzione lungo tutto il ciclo di vita in quanto siamo (noi, i coachee, il contesto) in evoluzione continua.

Dobbiamo  prenderci cura di noi e attivare un processo, grazie anche alla Supervisione, di Self understanding e di Self changing  in quanto ci assumiamo la responsabilità  delle ricadute del nostro Self sui coachee, sulle loro organizzazione, sulla società in generale.


16.10.2018
La supervisione e il self as instrument
Alberto Camuri
12.10.2018
Intelligenza emotiva: un fattore chiave nell'apprendimento dell'adulto
Anja Puntari
4.10.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Cristina Nava
Performant
27.9.2018
Alex Viola e il protocollo Alkaenergy™: Sfide, passione, rivoluzione
Performant
20.9.2018
Esiste l'equazione della perfetta comunicazione?
Matteo Fumagalli
13.9.2018
Essere Business Coach: Domande a Monica Giacomini
Performant
7.9.2018
Farsi trasportare: Il potere della metafora
Anja Puntari
27.8.2018
E se spostassimo i riflettori dai Leader ai Team Member?
Carlo Boidi
23.8.2018
Intervista a David Clutterbuck (Parte 2): Cosa c'è di bello nell'essere un team coach?
Performant
9.8.2018
Risultati possibili in tempi di crisi: il caso del CV
Carlo Boidi
2.8.2018
Realtà aumentata: una nuova frontiera del Coaching?
Performant
26.7.2018
La rivoluzione del "System Coaching" e della Qualificazione delle Competenze.
Carlo Boidi
19.7.2018
Leadership al femminile e intelligenza emotiva: un binomio che funziona?
Alessandra Venco
12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri
Performant
5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck: Cos'è il Team Coaching?
Performant
28.6.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Alessandra Venco
Performant
21.6.2018
Career Mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello
14.6.2018
Io non sono creativo! Posso diventarlo?
Anja Puntari
7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto
31.5.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Deborah Bianchi
Performant
25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti
17.5.2018
Leadership al femminile pt.2: Non si può non comunicare
Alessandra Venco
10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri
3.5.2018
È anche un fatto di spogliatoio (il Team)
Roberto Degli Esposti
26.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Carlo Boidi
Performant
20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta
12.4.2018
Allenare le Emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto
4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant
29.3.2018
Leadership al femminile pt.1 : La self-leadership
Alessandra Venco
21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli
15.3.2018
Leadership: l'arte del cambiamento
Gian Franco Goeta
8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta
1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant
23.2.2018
"The Post": Una lezione di Leadership
Gian Franco Goeta
15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura.
Carlo Boidi
8.2.2018
Alle radici della leadership e dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta
1.2.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Francesco Solinas
Performant
25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari
18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago
11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi
6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto
28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari
23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli
14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani
7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella
27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari
7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati
31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago
26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto
10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari
5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari
26.9.2017
Superare le impasse.
Matteo Fumagalli
9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant
31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco
9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto
2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco
26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas
5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani
27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto
22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant
16.6.2017
Sulla Supervisione
Matteo Fumagalli
6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas
1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago
19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto
12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari
21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari
13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani
6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto
30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari
23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck
16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti
9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck
23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto
17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani
10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck
7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti
2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto
17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas
11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari
29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti
20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant