Blog

Il nostro modo di fare business coaching è una costante ricerca e un continuo sviluppo che nasce in stretta relazione con i clienti con i quali lavoriamo. E' un insieme di conoscenza tacita, implicita ed esplicita in costante evoluzione per creare valore a individui, team e organizzazioni. In questo blog condividiamo gli apprendimenti acquisiti nella quotidianità del nostro operare.



9.8.2018
Risultati possibili in tempi di crisi: il caso del CV
Carlo Boidi
Business Coach, Partner e Docente SCOA

Se chiamiamo impossibili le cose difficili non andremo mai da nessuna parte 

Questo post è dedicato alle tante persone intraprendenti che si danno da fare, trovano soluzioni e creano valore; che davanti agli ostacoli sanno trovare le risorse per superarli e che non si lasciano condizionare da chi dice loro che è impossibile farcela o da chi continua a lamentarsi della crisi, dei CV mandati senza risposta, del governo, delle difficoltà dell'Italia e dell'impossibilità di trovare lavoro.

Ho percepito una forte negatività da alcuni post e messaggi su vari forum di Linked-in: sono rimasto colpito dalle tante persone che, lamentandosi di tutto questo, consigliano ai giovani di lasciare l'Italia se vogliono trovare lavoro, perché "in Italia è impossibile farcela".

FRUSTRAZIONI O RISPOSTE?

Mi rendo conto che la situazione non è facile: capisco cosa significa quando la divisione o l'azienda in cui si lavora viene chiusa: mi è successo sei volte in vent'anni di lavoro, anche se devo dire che non sono mai rimasto un solo giorno senza lavorare.

So anche che frustrazione si prova a mandare centinaia o migliaia di CV senza ottenere riscontri. Ma fermarsi a lamentarsi o credere che qualcun altro debba e possa risolvere questo problema non serve a nulla.

Forse serve di più farsi delle domande: oggi il CV è ancora uno strumento utile ed efficace come lo era venti o trent'anni fa? Il mercato del lavoro ha bisogno di essere inondato dalle nostre migliaia di CV alla ricerca di un lavoro? O ha più bisogno di professionisti che sappiano farsi trovare, risolvere problemi a qualcuno e creare opportunità di lavoro per altri?

Quando mi sono fatto queste domande ho smesso di mandare CV e sono entrato nell'ottica di sostenermi autonomamente nel mondo del lavoro.

FARSI TROVARE

L'ostacolo del "farsi trovare" da chi ha bisogno della nostra professionalità può essere superato utilizzando creatività e innovazione. 

TROVARE SOLUZIONI PER SE' E PER GLI ALTRI

Mi viene in mente il caso di Sumukh Mehta che, anziché inviare il classico CV, mandò al magazine GQ una finta edizione della rivista, tutta dedicata alla sua presentazione: "GQ – Special Resume Edition".
All'interno, gli articoli parlavano delle sue competenze, esperienze, formazione e interessi.

Venne preso come stagista in GQ e oggi è CEO di una società che aiuta le persone a farsi trovare nel mondo del lavoro. La sua soluzione al problema è diventata una soluzione anche per altri… e quindi un business.

Questo significa attingere alle proprie risorse per trovare soluzioni superando ostacoli che sembrano impossibili ma sono solo difficili. Se vogliamo superarli, troviamo il modo per farlo utilizzando creatività, innovazione e impegno.

MAI FARSI CONDIZIONARE

Farsi condizionare da chi si lamenta di crisi, difficoltà e impossibilità di trovare lavoro può essere davvero dannoso: quando ero all'università un professore, vedendo nel mio piano di studi molti esami che mi proiettavano nella ricerca sulle tecnologie fotoniche, mi disse: "Lei lo sa che non troverà MAI lavoro in Italia in questo campo, vero?". Invece, un paio di anni dopo - e per diversi anni - ho lavorato come ricercatore proprio su fibre ottiche, comunicazioni ottiche e dispositivi fotonici.

Per fortuna, la poca vision e il pessimismo di quel docente non mi avevano fermato.

Qualche anno fa ho cominciato invece a interessarmi di Business Coaching e ho iniziato a studiare e a formarmi per dedicarmi a quest'attività. Anche in questo caso ho incontrato chi diceva che "di Business Coaching in Italia non si vive" e che "in Italia non esiste un mercato per il Business Coaching". Da tre anni ho deciso di intraprendere quest'attività, ho visto che il mercato in realtà c'è ed è in crescita, le opportunità ci sono, così come ovviamente ci sono anche le difficoltà.

SUPERARE LE DIFFICOLTÀ

A volte mi tornano in mente i racconti dei miei nonni e delle persone di quella generazione: penso che la situazione che hanno vissuto loro non fosse affatto più semplice della nostra. Le difficoltà che hanno dovuto superare sono state enormi. Eppure, con minor risorse e mezzi rispetto a quelli che abbiamo noi oggi, quelle generazioni hanno saputo darsi da fare e trovare soluzioni, contribuendo ad un poderoso sviluppo economico.

Spero che, tante persone intraprendenti come Sumukh Mehta continuino a impegnarsi, mettersi in gioco e superare gli ostacoli. Spero che sappiano utilizzare creatività, innovazione e competenze per farsi trovare da chi ha bisogno, escogitare soluzioni e creare valore, senza lasciarsi fermare da chi gli dice che "in Italia è impossibile". 

Perché se chiamiamo impossibili le cose difficili, non andremo mai da nessuna parte.


9.8.2018
Risultati possibili in tempi di crisi: il caso del CV
Carlo Boidi
2.8.2018
Realtà aumentata: una nuova frontiera del Coaching?
Performant
26.7.2018
La rivoluzione del "System Coaching" e della Qualificazione delle Competenze.
Carlo Boidi
19.7.2018
Leadership al femminile e intelligenza emotiva: un binomio che funziona?
Alessandra Venco
12.7.2018
Wood'd, tra tradizione e futuro: Intervista a Stefano Aschieri
Performant
5.7.2018
Intervista a David Clutterbuck: Cos'è il Team Coaching?
Performant
28.6.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Alessandra Venco
Performant
21.6.2018
Career Mentoring: Hai bisogno di una guida?
Massimo Bonello
14.6.2018
Io non sono creativo! Posso diventarlo?
Anja Puntari
7.6.2018
Management & Krav Maga: due discipline, un passaggio di crescita
Davide Merletto
31.5.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Deborah Bianchi
Performant
25.5.2018
La forza della leadership
Roberto Degli Esposti
17.5.2018
Leadership al femminile pt.2: Non si può non comunicare
Alessandra Venco
10.5.2018
L'essenza della supervisione
Alberto Camuri
3.5.2018
È anche un fatto di spogliatoio (il Team)
Roberto Degli Esposti
26.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Carlo Boidi
Performant
20.4.2018
La forma dell'acqua: il potere dell'amore
Gian Franco Goeta
12.4.2018
Allenare le Emozioni: il ponte tra pensieri e comportamenti
Davide Merletto
4.4.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Patrizia Fagnani
Performant
29.3.2018
Leadership al femminile pt.1 : La self-leadership
Alessandra Venco
21.3.2018
Intervista a Marco Mordente
Matteo Fumagalli
15.3.2018
Leadership: l'arte del cambiamento
Gian Franco Goeta
8.3.2018
Leadership: Churchill, Hitler e la forza del dubbio
Gian Franco Goeta
1.3.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Davide Merletto
Performant
23.2.2018
"The Post": Una lezione di Leadership
Gian Franco Goeta
15.2.2018
Breve storia del Coaching e del Mentoring: dal conflitto all'unione – da professione a cultura.
Carlo Boidi
8.2.2018
Alle radici della leadership e dell'imprenditorialità
Gian Franco Goeta
1.2.2018
Essere Business Coach: Sei domande a Francesco Solinas
Performant
25.1.2018
La resilienza non vuol dire la resistenza!
Roberto Degli Esposti
18.1.2018
Il contesto di lavoro fa male alla salute!
Emilio Rago
11.1.2018
Il progresso dell'Umanità è nelle competenze del coach?
Carlo Boidi
6.1.2018
Generare valore: perché altri possano sbocciare
Davide Merletto
28.12.2017
Tranquilli, i robot non vi ruberanno il lavoro!
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari
23.12.2017
Un augurio di crescita e ricchezza (insieme agli altri)
Matteo Fumagalli
14.12.2017
Almodóvar, McGrath e il Coaching
Patrizia Fagnani
7.12.2017
Lo Shopping è musica rap tra emisfero destro e sinistro.
Fabio Zancanella
27.11.2017
Un percorso esperienziale che permette di uscire dai canoni della formazione
21.11.2017
Sento dunque posso: Le esperienze dei coach
15.11.2017
Il ruolo delle emozioni nel business coaching: il processo di trasformazione
Roberto Degli Esposti e Anja Puntari
7.11.2017
L'arte come metodo
Gabriela Galati
31.10.2017
Il dizionario delle competenze: un indubbio strumento di lavoro
Emilio Rago
26.10.2017
Il coraggio di provare: finché non fai non sai
Davide Merletto
10.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 2/2)
Anja Puntari
5.10.2017
Trasformazione: da un'idea di brand a un tool-kit tangibile da toccare e sentire (Parte 1/2)
Anja Puntari
26.9.2017
Superare le impasse.
Matteo Fumagalli
9.9.2017
Il ponte tra arte e business
Performant
31.8.2017
Ma è così difficile fare domande?
Alessandra Venco
9.8.2017
Il successo è un atteggiamento mentale
Davide Merletto
2.8.2017
Il valore nell'allenare i manager a fare i manager
Alessandra Venco
26.7.2017
L'azienda di successo ha bisogno di persone resilienti
Francesco Solinas
5.7.2017
L'introspezione. Una fregatura per la nostra efficacia?
Patrizia Fagnani
27.6.2017
Realizzare i propri obiettivi significa trasformare i sogni in ricordi
Davide Merletto
22.6.2017
La fatica come dono, la passione come necessità.
Performant
16.6.2017
Sulla Supervisione
Matteo Fumagalli
6.6.2017
Contenere l'emozione in cinque passi
Francesco Solinas
1.6.2017
"Perché un coach deve andare a Venezia?"?Lezioni di coaching dall'arte contemporanea
Emilio Rago
19.5.2017
Misurare i comportamenti: l'allenamento è nulla senza controllo
Davide Merletto
12.5.2017
"VIVA ARTE VIVA" - trasformazione e sviluppo attraverso le opere della Biennale di Venezia
Anja Puntari
21.4.2017
Come sono le domande buone?
Anja Puntari
13.4.2017
Chi annaffia chi
Patrizia Fagnani
6.4.2017
Allenare i comportamenti: l'eccellenza non è un punto di arrivo ma un metodo
Davide Merletto
30.3.2017
Salini-Impregilo: Perche e come rendere visibile il patrimonio intangibile dell'azienda?
Anja Puntari
23.3.2017
The future of team coaching
David Clutterbuck
16.3.2017
L'equilibrio? La prima delle condizioni per l'efficacia di un team
Roberto Degli Esposti
9.3.2017
How to build a coaching culture in work teams
David Clutterbuck
23.2.2017
Progettare i comportamenti: non esistono cose difficili ma cose che non so ancora fare
Davide Merletto
17.2.2017
Ferrara e le finestre rotte
Patrizia Fagnani
10.2.2017
Team Coaching What's the point?
David Clutterbuck
7.11.2016
Diversity Management? A cominciare dai ''non diversi''
Roberto Degli Esposti
2.11.2016
Allineare le aspettative: non serve vendere ma convincere!
Davide Merletto
17.10.2016
Il potere della mindfulness nel business coaching
Francesco Solinas
11.10.2016
The artists knowledge - come l'arte può aiutare il business ad affrontare meglio le sfide di oggi
Anja Puntari
29.8.2016
L'importanza del coachee nell'executive coaching
Roberto Degli Esposti
20.5.2016
Rugby Team Building 2016 – 20/21 maggio Stadio Carlini Genova
Performant